BARBARA ARCUNI – CIMITERO MONUMENTALE

BARBARA ARCUNI – STORICA DELL’ARTE E GUIDA TURISTICA ABIILITATA

Cimitero Monumentale di Milano,
Edicola Campari (1935)
Scultore Giannino Castiglioni.
Titolo dell’opera: Ultima Cena


Questa scultura di grande impatto visivo è coinvolgente ed emozionante. I personaggi sono più grandi del reale e curati nei minimi particolari. Quello che mi ha colpito maggiormente sono i piedi dei discepoli e la mano di Guida che nasconde il sacchetto con i trenta denari, realizzati con un forte realismo.
Una spettacolare idea quella di associare l’invenzione del Campari all’Ultima Cena leonardesca.
Per la sepoltura di famiglia al Monumentale di Milano, Davide Campari sceglie lo scultore Giannino Castiglioni, che realizza nel 1935 una delle edicole più famose del cimitero: una rielaborazione dell’Ultima Cena leonardesca.
Il basamento è ricavato da un raro masso erratico porfirico, su cui Castiglioni realizza il gruppo bronzeo in dimensioni maggiori del vero. La figura centrale del Cristo emerge grazie alla posizione eretta, perfettamente inquadrata dalle arcate del porticato retrostante. Intorno a lui sono seduti gli apostoli, che ripropongono l’ispirazione leonardesca nella divisione a gruppi di tre e nella scelta di porre Giuda insieme agli altri.