Una curiosità. In fase progettuale il committente obbligò il Giambologna a rivedere “in pejus” le dimensioni degli attributi del Nettuno. Lo scultore, ovviamente, si dovette adeguare all’ordine, ma in un certo senso si vendicò facendo in modo che vedendo la statua da una certa angolazione, il pollice della mano sinistra sporgesse dal basso ventre come fosse un fallo in erezione.

Una scaramanzia. Pare che girare due volte, in senso antiorario intorno alla Fontana del Nettuno porti fortuna per gli esami universitari imminenti.

Un po’ di marketing. Il tridente del Nettuno ha ispirato i fratelli Maserati come logo per la loro azienda.

Antonella Carobbio

TORNA ALLA FONTANA DEL NETTUNO