Dal chiostro dei procuratori, passando attraverso il cortile delle carrozze (ce ne sono due, quella che trasportava gli Eletti della città, di fine Seicento, e una berlina ottocentesca) si entra in quelli che erano gli appartamenti del capo spirituale dei monaci. Oggi è una piccola quadreria, nella quale sono visibili opere di artisti locali e non solo, come la “Vergine con bambino” e “San Martino” di Pietro Bernini, “San Bruno” di Cosimo Fanzago. Ambiente degno di nota è la biblioteca, che presenta uno splendido pavimento sul quale sono dipinte le dodici costellazioni dello zodiaco e una meridiana della seconda metà del Settecento.

Serena Fiorentino
Serena Fiorentino
Serena Fiorentino
Serena Fiorentino

TORNA ALLA CERTOSA DI SAN MARTINO