Il Pantheon è un tempio solare in cui a mezzogiorno del 21 giugno, giorno del solstizio d’estate, si può assistere ad un fenomeno astrologico-calendariale: il raggio di sole che penetra dall’oculus proietta un enorme disco di luce sul pavimento. Invece, il 21 marzo, giorno dell’equinozio di primavera, la luce colpisce il centro del portale d’accesso. Tutto ciò provocava un gioco di luci che colpiva molto il visitatore antico, credendo realmente di essere in presenza di una divinità solare. Questo accadeva anche prima dell’avvento del Cristianesimo, rappresentando pressoché la principale divinità intorno a cui ruotava il Pantheon degli dei con al centro il culto del “Sol Invictus” prima, di “Mitra” poi ed infine di “Dio”. La luce divina e provvidenziale dello Spirito Santo entra dall’oculus, che stando ad alcune storie popolari medievali senza alcun riscontro di verità, sarebbe stato creato a causa di demoni in fuga che con le corna avrebbero bucato il tetto del tempio il giorno della riconversione a basilica cristiana.

Alcune storie popolari più recenti, raccontano che nel 1930 lo spirito del Re d’Italia Umberto I di Savoia apparve a un soldato di guardia al Pantheon dove sono sepolti alcuni reali d’Italia. Il messaggio che sarebbe stato lasciato dal sovrano al milite è tuttora ancora segreto.

Claudio Cimmino
Claudio Cimmino

TORNA AL PANTHEON