Molte persone famose visitarono questo luogo, specie nell’Ottocento; tra questi lo scrittore Conan Doyle, che, durante un’esplorazione malriuscita alla ricerca di una fogna romana, restò incastrato!

Accanto al teatro grande c’è un altro rudere, molto più moderno rispetto al resto del complesso: l’arcivescovo Camillo di Pietro, proprietario di un terreno confinante, costruì nell’Ottocento una dimora privata, conosciuta ora come “casa rossa”.

Virgilio, si sa, non era solo uno scrittore, le sue doti magiche erano famose (il Castel dell’Ovo ha questo nome strambo proprio grazie a lui); pare che avesse tirato su una scuola di magia, conosciuta come “scuola di Virgilio”: i ruderi di questa Hogwarts di altri tempi sono nella baia di Trentaremi.

Federico Romanucci

TORNA AL PARCO ARCHEOLOGICO DI POSILLIPO