Acaya

Borgo ancora oggi interamente fortificato
Acaya
Portami qui

DESCRIZIONE GENERALE

Il borgo fortificato rinascimentale di Acaya è uno dei pochissimi rimasto integro fino ai tempi nostri. Il nome trae origine dalla famiglia feudale omonima intorno all’anno 1535, anno in cui fu anche realizzata la fortificazione del centro. Il borgo, però ha origine medievale e anticamente veniva chiamato Segine.

Per accedere al borgo bisogna passare per una porta che vi permetterà di penetrare attraverso le spesse mura. Sopra il portone potrete notare una statua dedicata a Sant’Oronzo protettore di Acaya.

I bastioni che sono ancora visibili sorsero proprio dove una volta c’erano le vecchie torri a pianta rotonda. Come potrete notare i bastioni sono tre perché al posto del quarto si decise di ereggere il castello, il cui accesso è possibile solo attraverso un ponte situato nella piazza d’Armi.

L’unico luogo di culto del borgo è la Chiesa Madre della Madonna della Neve. La facciata, in pieno stile neoclassico, risale alle opere di ingrandimento del XIX secolo della chiesa stessa. Al suo interno troverete tre navate con sei altari. Adiacente alla chiesa è situata la Cappella di San Paolo, costruita nel XII secolo.

 

FOTO DELLA COMMUNITY:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *