Basilica di Santa Chiara

Una basilica che è anche uno spettacolo agli occhi del visitatore, imperdibile!
Via Benedetto Croce
Portami qui

BREVE PRESENTAZIONE

La Basilica di Santa Chiara è una tappa imperdibile perché, nonostante sia stata ricostruita, presenta perfettamente l’impianto medievale nella struttura e nelle forme. La basilica è la più grande basilica gotico-angioina della città. Composta da un monastero che comprende quattro chiostri monumentali (imperdibile è la visita al chiostro maiolicato, di straordinaria raffinatezza!), gli scavi archeologici che troverete nelle vicinanze e diverse altre sale, dove in alcune di queste viene ospitato il Museo dell’Opera, che a sua volta comprende nella visita anche il coro delle monache, con resti di affreschi di Giotto, un grande refettorio, la sagrestia ed altri ambienti basilicali.

Subito dopo la cappella dei Borbone, sul pilastro destro potrete ammirare l’unico affresco trecentesco superstite: la scena è quella della Madonna del cucito, che raffigura la Vergine intenta a cucire mentre il Bambino le è seduto per terra affianco, ed è di mano di un pittore giottesco di scuola senese. Sulla sinistra dell’affresco, sulla porzione sinistra del pilastro, si può notare il volto di un santo, si tratta, infatti, di San Francesco. Il santo però rientrava in origine a una scena distrutta di “Impressione delle stimmate”.

 

COAUTRICE: Aurora De Rosa

 

FOTO DELLA COMMUNITY:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *