Castello Visconteo

Destinazione imperdibile per chi vuole conoscere il passato della città o per ammirare le sue mostre!
Viale XI Febbraio 35
Portami qui

BREVE PRESENTAZIONE

Tra i luoghi più caratteristici della città di Pavia troviamo sicuramente il suo meraviglioso Castello situato nel centro storico della città, ricco di storia e leggende misteriose. Il Castello Visconteo fu costruito per volontà del Duca Galeazzo II Visconti tra il 1360 e il 1365.

 

DESCRIZIONE GENERALE

La costruzione di questa “cittadella fortificata” permise di sviluppare gli aspetti residenziali, anziché quelli militari: più che una fortezza, il Castello di Pavia fu soprattutto la sede di una meravigliosa corte raffinata ed elegante, com’è ancora possibile ammirare dall’aereo loggiato del cortile e dagli affreschi delle sale interne, elementi che rispecchiano lo stile gotico internazionale.

Il complesso pur mantenendo le forme del castello, era in realtà un sontuoso palazzo, ricco di sale atte a ospitare il signore e la sua corte. Vi erano anche la cappella, la biblioteca e l’armeria, tanto che nel Quattrocento Pier Candido Decembrio, segretario e umanista di Filippo Maria Visconti, definì il castello di Pavia: ”[…] dimora che non ha eguali in Italia”. Il castello è difeso da un profondo fossato, un tempo allagato, e si conservano ancora oggi 3 degli originari accessi dotati di ponti levatoi.

A nord del castello vi si apre il meraviglioso parco Visconteo, una vasta area circondata da mura e torri, che inglobò non solo l’antica strada romana che collegava Pavia e Milano, ma anche un tratto della Vernavola. Con Gian Galeazzo il parco si estese maggiormente raggiungendo il Castello di Mirabello, ed esiste anche un passaggio segreto che collega il castello all’interno delle mura della Certosa di Pavia. Il castello fu sede della Corte di Galeazzo II, di Gian Galeazzo e fino al 1413 di Filippo Maria; in seguito la corte ducale tornò a Milano, ma molto spesso i signori di Milano tornarono a Pavia per la caccia e per ricevere ambasciatori.

 

CURIOSITÀ

Inoltre, nel castello riecheggia la storia di un fantasma che nei giorni nuvolosi e di pioggia il suo eco si manifesta tra le mura, se sia vero oppure no questo non si saprà mai, abbiamo la sola certezza, però, che il fascino del castello sia indiscutibile.

 

BIBLIOTECA E ARMERIA

Nel castello pavese, inoltre, rimasero sia la biblioteca ducale, che l’armeria…

PER SAPERNE DI PIÙ SU BIBLIOTECA E ARMERIA

 

IL CASTELLO OGGI

Infine, il Castello di Pavia venne poi acquistato dal Comune, restaurato negli anni ’20 e ’30 del XX secolo…

PER SAPERNE DI PIÙ SUL CASTELLO OGGI

 

AUTRICE: Sonia Barone

 

FOTO DELLA COMMUNITY:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *