Certosa di Pavia

La Certosa di Pavia, un luogo stupendo che racchiude in se la storia non solo di Pavia, ma anche di Milano!
Via del Monumento 4
Portami qui

BREVE PRESENTAZIONE

La certosa di Pavia (Gratiarum Carthusia / Monastero di Santa Maria delle Grazie) sita alle porte di Pavia è un monastero storico in stile gotico-rinascimentale contenete al suo interno opere d’arte di oltre quattro secoli ed è il mausoleo sepolcrale della dinastia milanese, completato in circa 50 anni.

 

DESCRIZIONE GENERALE

Edificata per volere di Gian Galeazzo Visconti, Duca e signore di Milano, verso la fine del XIV secolo per adempiere al voto fatto alla consorte Caterina Visconti, la quale fece voto alla Madonna di dare come secondo nome ad ogni nuovo nato dalla coppia il nome Maria, in conseguenza della prima gravidanza di Caterina andata male.

La costruzione prese avvio il 27 agosto 1396 con la prima pietra posta dal Duca. La cerimonia della posa della prima pietra fu solennemente celebrata davanti a delle figure illustri dell’epoca, tra cui il Duca stesso e molti tra professori e studenti dell’Università degli Studi di Pavia e Bartolomeo Serafini, che fu priore della Certosa dal 1398 al 1409. Il progetto venne affidato a Bernardo da Venezia e Cristoforo da Conigo, i quali presiedettero i lavori fino alla dipartita del Duca, sopraggiunta il 3 settembre del 1402. La morte del Duca comportò l’interruzione dei lavori che ripresero nel 1412 per volere di Filippo Maria, secondo genito del Duca e succedutogli alla guida del ducato. Il nuovo signore di Milano affidò i lavori a Giovanni Solari, che ci lavorò dal 1428 al 1462, anche dopo la mote di Filippo Maria avvenuta il 13 agosto 1447 e la conquista di Milano avvenuta per mano di Francesco Sforza nel 1450. I lavori passarono al figlio dell’architetto, Guiniforte Solari che guidò i lavori dal 1462 al 1481, quando subentrò Giovanni Antonio Amadeo che lì proseguì tra il 1481 e il 1499 sotto il Ducato di Ludovico il Moro.

Il monastero, destinato a divenire mausoleo dinastico dei Duchi di Milano, fu progettato sin dall’inizio con dimensioni superiori a quelle che erano state sino a quel tempo realizzate. La Certosa di Pavia presenta una struttura composta da tre navate, edificate per ultime rispetto alle altre strutture di cui e composto il Monastero. La navata venne progettata in stile gotico, tuttavia l’influenza del primo rinascimento diveniva sempre più forte in Italia, così Guiniforte Solari dette un’impronta rinascimentale al resto della chiesa con le sue gallerie, archi e pinnacoli, inclusa la piccola cupola e anche i chiostri vennero progettati nuovamente.

Il complesso storico monumentale venne ufficialmente consacrato il 3 maggio 1497 dal nunzio pontificio dinnanzi a una numerosa folla, anche se la parte inferiore della facciata venne portata a compimento solo nel 1507.

Il monastero venne affidato in origine alla comunità certosina, successivamente a quella cistercense e per un breve periodo a quella benedettina. Avvenuta l’unificazione del Regno d’Italia, nel 1866 la Certosa di Pavia venne dichiarata monumento nazionale e acquistata tra le proprietà del demanio dello Stato Italiano.

Dal 1968 ospita una piccola comunità di monaci cistercensi.

 

AUTORE: Paolo Barone

 

FOTO DELLA COMMUNITY:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *