Ischia

Un'isola incredibile, dove potrete godere di panorami, mare e terme. Un piccolo paradiso insomma!
Ischia
Portami qui

BREVE PRESENTAZIONE

Una delle nostre meravigliose Isole partenopee del golfo di Napoli, Ischia, la cosiddetta Isola Verde, è la più grande delle isole che costeggiano il Golfo di Napoli, presenta una forma compatta, rotondeggiante e si mostra particolarmente varia nella sua morfologia. Dopo Sicilia e Sardegna, Ischia è l’isola italiana più popolosa, con più di 60.000 abitanti.

Sovrastata dal Monte Epomeo (789 m), presenta altri numerosi rilievi e colline, spesso separati da pendii scoscesi e canaloni, che creano un paesaggio sinuoso e suggestivo, ideale per praticare del sano trekking naturalistico. Sull’isola non esistono corsi d’acqua superficiali, le risorse idriche riguardano prevalentemente le abbondanti sorgenti di acque termo-minerali presenti su tutto il territorio e rappresentano la principale risorsa per l’isola; le loro proprietà benefiche hanno consentito lo sviluppo dell’industria termale e incrementato il turismo sull’isola, tanto che tra i numerosi turisti che visitano l’isola durante l’arco dell’anno, particolarmente numerosi sono turisti tedeschi, francesi e russi che giungono sull’isola non solo per ammirare la sua bellezza, ma proprio per usufruire delle fonti termali. Un toccasana per il corpo e la mente!

 

DESCRIZIONE GENERALE

Fin dall’antichità l’isola venne considerata una terra di grande interesse sia per la sua posizione strategica nel Mediterraneo, sia per le sue ricchezze del territorio. Furono i greci, più precisamente gli Eubei, i primi colonizzatori che nel VII secolo a.C. portarono le prime forme di civiltà organizzata attribuendo all’isola il nome di Pithekoussai. Dall’isola si spinsero a conquistare la costa e fondarono Cuma e Neapolis. Il loro insediamento sull’isola si trovava nell’attuale zona di Montevico a Lacco Ameno. Oggi sappiamo con certezza che la loro maggiore attività era la produzione di vasi di ceramica (da questi anche l’origine del nome Pithekoussai = pithoi, in greco significa vaso di ceramica) e il commercio dei loro prodotti. Successivamente alla civiltà greca giunsero i Siracusani intorno al 500 a.C. e nel tempo fu soggetta a diverse dominazioni, tra cui quella Romana, che estirpò definitivamente Pithekoussai. Con i Romani Ischia fu chiamata Aenaria, il suo centro era vicino alla zona di Cartaromana a Ischia Ponte, ma in seguito a un rapido assestamento del terreno, l’insediamento fu sommerso dal mare. A partire dal IX secolo l’isola fu terra di conquista e di passaggio da parte di Saraceni, Turchi, Africani, che si protrassero per ben 700 anni. Poi arrivarono i Normanni, gli Svevi, gli Angioini e, infine, gli Aragonesi che attraverso la famiglia d’Avalos restituirono all’isola periodi di tranquillità. I d’Avalos portarono anche un certo vigore economico, che ben presto si tramutò in un vero e proprio assoggettamento con pressioni fiscali, che inevitabilmente portarono, con la morte di Michelangelo d’Avalos nel 1729, ad una prevedibile sommossa. Il risultato fu che Ischia passò sotto la gestione diretta della casa reale di Napoli e così rimase fino all’unità d’Italia.

 

LA LEGGENDA DELL’ISOLA

Non tutti sanno che le origini di Ischia sono legate ad un’antichissima storia mitologica…

PER SAPERNE DI PIÙ SULLA LEGGENDA DELL’ISOLA

 

I COMUNI

L’isola di Ischia si articola amministrativamente in sei comuni…

PER SAPERNE DI PIÙ SUI COMUNI

 

IL CASTELLO ARAGONESE

Il Castello Aragonese è simbolo dell’intera isola d’Ischia. Costruito nel 474 dai soldati di Gerone…

PER SAPERNE DI PIÙ SUL CASTELLO ARAGONESE

 

AUTRICI: Eleonora Monti e Alessandra Giglio

 

FOTO DELLA COMMUNITY:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *