Presepio Poliscenico Permanente di Cupra Marittima

Un piccolo borgo che regala a molti turisti l'anno una vera opera d'arte visitabile lungo tutto l'anno!
via Castello
Portami qui

BREVE RESENTAZIONE

Uno dei posti delle Marche, che sta molto a cuore ai suoi abitanti, è certamente il Presepe Poliscenico Permanente di Cupra Marittima.
 Questo luogo, ricco di storia e di spiritualità, si trova nella chiesa della SS. Annunziata all’interno di borgo Marano, vecchio incasato medievale di Cupra Marittima (AP).

 

DESCRIZIONE GENERALE

Si tratta di una vera e propria opera d’arte estesa su una superficie di 90 mq; le prime scene sono state realizzate nel Natale 1976 da un gruppo di amici presepisti cuprensi. 
Questi nel tempo lo hanno ampliato fino ad arrivare a 19 diorami, le così dette “scene”. Il Presepio Poliscenico si presenta, infatti, come un “percorso” lungo la navata della chiesa, riguardante alcuni dei momenti salienti della vita di Gesù Cristo, partendo dall’Annunciazione fino alla Resurrezione di Cristo.

Le scene vengono ancora minuziosamente curate e rinnovate dagli amici del Presepio Poliscenico Permanente secondo le regole dei maestri presepisti catalani. Il paesaggio è scolpito in gesso, mentre le statuine sono in terracotta, le cui dimensioni variano a seconda della regola prospettica. Esse, assieme alle piante realizzate in piombo, provengono dalla Catalogna.

Questa grande opera è visitabile per tutta la durata dell’anno, rimanendo aperto nel periodo natalizio, nei mesi estivi e in occasione di altre ricorrenze locali, mentre per le visite fuori calendario è necessaria la prenotazione. La chiesa che lo ospita del Sedicesimo secolo, insieme al caratteristico campanile di inizi Novecento,  sono parte integrante del paesaggio.

Si può arrivare alla chiesa in diversi modi, ma certamente il modo più suggestivo e naturale è arrivarci a piedi, seguendo la strada ciottolata del castello per poi scendere lungo il percorso erboso di “Solagna”, dove vi si aprirà un paesaggio unico.
Tutto il complesso, affacciandosi sull’Adriatico, rappresenta uno dei simboli identitarii e paesaggistici di tutto il Piceno ed è perciò protagonista di numerose foto diffuse sui social.

 

AUTORE: Marco Ciarrocchi

 

FOTO DELLA COMMUNITY:

  • Marco Ciarrocchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *