Recanati

La città natale del grande Giacomo Leopardi con tutte le citazioni delle sue più importanti opere!
Recanati
Portami qui

BREVE PRESENTAZIONE

Recanati, la cittadina di Giacomo Leopardi, è famosa in tutto il mondo per aver dato i natali all’illustre poeta. In questo borgo, un vero e proprio gioiello immerso nei colli dell’Infinito, a 296 metri sul livello del mare sulla sommità del Monte Tabor (“l’ermo colle” che ha tanto ispirato il poeta), poco distante da Loreto e dalla Riviera del Conero, i luoghi da vedere sono tanti e alcuni non sono per nulla scontati.

 

DESCRIZIONE GENERALE

Le colline, le piazze e le strade di Recanati ci parlano di lui, del grande poeta Giacomo Leopardi. E quando la visitiamo, non possiamo percorrere le sue vie senza che ogni scorcio ci ricordi i suoi versi.

Un borgo abitato dalla poesia, che qui s’incontra a ogni angolo del paese: lo incontriamo nei versi del Passero solitario costeggiando l’antico campanile di Sant’Agostino, nella vivace piazza del Sabato del Villaggio o ancora nell’isolato colle dell’Infinito. Recanati, però, non è solo poesia. Qui sono di casa anche l’arte, la storia, la musica e tanto altro.

Piazza Giacomo Leopardi è il centro artistico della città di Recanati. La piazza è racchiusa tra la Chiesa di San Domenico, gli eleganti portici del Palazzo Comunale e l’antica Torre del Borgo. La Chiesa di San Domenico esisteva già nel ‘200 ed era dedicata a Gregorio Magno. In seguito, con la venuta dei padri domenicani, divenne chiesa e convento, oggi dismesso. Il Palazzo Comunale è senza dubbio il protagonista della scena architettonica. È stato interamente ricostruito (i lavori iniziano nel 1872) e inaugurato nel 1898, in occasione del Primo Centenario della nascita di Giacomo Leopardi, per dare maggiore lustro e importanza al poeta. Davanti al Palazzo Comunale si trova il monumento a Giacomo Leopardi di Ugolino Panichi. La Torre del Borgo, invece, è una torre ghibellina del XII secolo, che rappresenta il simbolo della fusione di Recanati in un unico comune dai precedenti castelli. È alta 36 metri e, oggi, ospita il Museo di Recanati, che racconta la storia del paese dalla nascita fino al Novecento.

Lasciata Piazza Leopardi alle nostre spalle, si può proseguire la visita del borgo verso Corso Persiani. Merita sicuramente una visita la piccola Chiesa di Sant’Anna. Al suo interno è possibile ammirare, più precisamente in una cappella, la suggestiva riproduzione della Santa Casa di Loreto. Il motivo di questa fedele e significativa riproduzione era quello di permettere l’adorazione della Madonna a tutti i malati impossibilitati a recarsi in pellegrinaggio, nella vicina Loreto.

Dal Corso principale s’innestano poi stradine minori che ci accompagnano alla scoperta di altre cose da vedere a Recanati. Proprio in fondo ad una di queste strade, s’incontra la bella e imponente Cattedrale di Recanati. La Cattedrale di San Flaviano fu costruita nel XIV secolo su una precedente chiesa, subendo nel tempo rimaneggiamenti e trasformazioni.

 

ITINERARIO LEOPARDIANO

Recanati è chiamata anche la Città dell’Infinito per rendere onore alla poesia invitando a fermarci, guardare, scrutare e scoprire l’infinito…

PER SAPERNE DI PIÙ SULL’ITINERARIO LEOPARDIANO

 

AUTORE: Marco Pesaresi

 

FOTO DELLA COMMUNITY:

  • Marco Pesaresi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *