Villa Carlotta

Una villa secolare che oggi ci regala degli scorci meravigliosi sul lago e un giardino davvero splendido!
Via Regina 2, Tremezzina
Portami qui

BREVE PRESENTAZIONE

Edificio di elegante e incantevole bellezza, Villa Carlotta è una delle ville più rinomate e visitate del Lago di Como. Situata in una posizione strategica e panoramica, di fronte alle Grigne e alla penisola di Bellagio, è famosa sia per le opere d’arte contenute al suo interno, sia per il maestoso parco botanico di circa 70.000 mq, con una splendida fioritura primaverile di azalee e rododendri di circa oltre 150 varietà.

 

DESCRIZIONE GENERALE

La villa fu edificata alla fine del XVII secolo dal marchese Giorgio II Clerici e già all’epoca era circondata dal vasto giardino all’Italiana con statue, fontane e terrazze panoramiche vista lago. Nel 1801 la proprietà passa a Gian Battista Sommariva, Presidente del Comitato di Governo della Repubblica Cisalpina e collezionista d’arte e la Villa conobbe nuova vita. Parte delle opere, decorazioni e arredi del Settecento vennero rimossi per lasciare spazio alle raccolte di Sommariva. In questo periodo personaggi come Stendhal e Flaubert visitarono la villa. Nel 1843 Marianna di Nassau acquistò la villa e, successivamente, la donò alla figlia Carlotta, alla quale si deve l’attuale nome, come dono di nozze. I nuovi proprietari decorarono la villa con motivi neo rinascimentali e pompeiani di artisti tedeschi e italiani, ma diedero particolare attenzione al giardino, cui aggiunsero nuove varietà di rododendri, azalee, camelie, felci e palme. Dal 1927 la proprietà appartiene a un ente morale che si occupa della gestione.

La Villa è un edificio di 3 piani. Le sale del primo piano sono in stile neoclassico e ospitano opere d’arte rinomate come la “Tersicore” e il “Palamede” di Canova, Amore e Psiche di Tadolini, e l’Ultimo addio di Romeo e Giulietta di Hayez.

Il grande giardino botanico che circonda la villa è sicuramente l’attrazione principale. Si può seguire il percorso consigliato, oppure passeggiare liberamente per i sentieri che attraversano tutto il giardino all’Italiana, caratteristico del Settecento e del periodo Illuministico. Impossibile non rimanere affascinati dal tunnel degli agrumi, posto proprio sotto le scalinate che portano all’ingresso della villa, o dai magnifici colori delle azalee, delle camelie e delle rose che in primavera regalano una fioritura spettacolare. Piante secolari ed esotiche, piante tropicali, felci e bamboo. Ogni angolo regala un’immagine memorabile agli occhi del visitatore.

Senza dimenticare gli scorci vista lago che si possono ammirare dai diversi punti del giardino e della villa. Grandi terrazze affacciate direttamente sul lago da cui si gode una magnifica vista su Bellagio, le montagne circostanti e il bacino centrale del Lario.

Il biglietto d’ingresso costa circa 10 euro, ci sono poi dei prezzi agevolati per bambini ed anziani, gruppi e comitive. Il periodo di apertura solitamente è marzo/novembre, ma spesso durante il periodo di chiusura vengono organizzate iniziative interessanti. La visita può durare circa mezza giornata, ma tutto dipende da quanto vi lascerete incantare dalle meraviglie che vi trovate.

 

AUTRICE: Francesca Bruni

 

FOTO DELLA COMMUNITY:

  • Maurizio Moro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Via Regina 2, Tremezzina
Portami qui